logo

"Danno enorme abolire la libera circolazione"

Lo sostengono le parti sociali dell'industria MEM, che fanno fronte comune contro l'iniziativa lanciata dall'UDC

Reguzzi
 
14
febbraio
2018
11:10
ats

BERNA - Le parti sociali dell'industria metalmeccanica ed elettrica (industria MEM) sono concordi nel ritenere che gli accordi bilaterali I rivestano grande importanza per l'industria MEM della Svizzera. Si oppongono pertanto congiuntamente e con determinazione all'iniziativa per l'abolizione della libera circolazione delle persone lanciata dall'UDC e ai recenti attacchi che i democentristi hanno sferrato contro il partenariato sociale. L'iniziativa chiede la disdetta della libera circolazione con l'UE e pertanto provocherebbe automaticamente il venir meno di tutti gli accordi bilaterali I. Il danno economico per l'industria MEM e per tutti gli occupati attivi nel ramo sarebbe enorme.

Prossimi Articoli

Il caldo sempre più estremo e le piogge più forti

Le previsioni degli scenari climatici per i prossimi decenni in Svizzera sono inquietanti - Per gli esperti è necessario contenere il riscaldamento globale o non resterà che adattarci

Credit Suisse indagato per frode a Ginevra

Indagini in corso sull'istituto bancario e quattro suoi dipendenti - Le vittime del presunto raggiro sarebbero clienti turchi di un piccolo gestore patrimoniale

Violenza domestica, un morto ogni due settimane in Svizzera

Convegno nazionale oggi a Berna con 270 professionisti per lottare contro gli abusi sulle donne e in casa

Edizione del 14 novembre 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top