logo

Lo schiaffo di Melania

IL TOC TOC DI PARIDE PELLI

Keystone
 
12
febbraio
2018
06:00
Paride Pelli

di PARIDE PELLI - Beautiful, in confronto, è nulla, e pure gli sceneggiatori di Dallas e Dinasty – aiutino per i millenials: si tratta di soap opera mitiche degli anni Ottanta, chiedere ai vostri genitori – finiscono col diventare dilettanti senza fantasia. Signori, se ancora non l'avete capito, la vera telenovela, quella più tracotante di colpi di scena e che vi incolla al televisore (non a orari fissi, ma questo non fa che amplificare l'effetto sorpresa) vede come protagonisti The Donald e Melania. Potrebbe intitolarsi «La casa bianca», se solo alcuni dettagli tricologici del padrone di casa non suggerissero il più consono e terrificante «La casa ocra».

La coppia presidenziale più famosa e meno affiatata del pianeta – un duo che potrebbe tranquillamente dare vita al remake della Guerra dei Roses (con sullo sfondo Kim Jung-un ad agitare la sua collezione di «più grossi missili nucleari») – sta infatti tenendo incollato mezzo mondo ai siti di gossip. Nell'ultima puntata il commander in chief degli Stati Uniti è stato investito da uno scandaletto sessuale risalente a qualche tempo fa – una vicenda un po' surreale che vede al centro una pornostar che sarebbe stata pagata per tenere la bocca chiusa (da non crederci) - e così i rapporti già non idilliaci tra i due coniugi pare si siano incrinati. Anzi, a dirla tutta, sono andati a farsi benedire. Melania - che al fianco di The Donald emana un calore pari a un iceberg - non ha mancato di farlo notare in pubblico, rifiutandosi (una volta ancora, era già accaduto durante le visite a Roma e Tel Aviv) di dare la mano al marito, che la cercava con una certa insistenza per far buon viso al cattivo gioco di mass media, fotografi e dei social, che da tempo ironizzavano sulla cosa: gliela darà o non gliela darà?

Alla fine, incassato l'ennesimo due di picche - ma c'era da aspettarselo - il presidente dalla zazzera multicolore le mani le ha dovute metaforicamente alzare in segno di resa: impossibile convincere l'inflessibile consorte – noncurante dei flash impietosi dei reporter – a un piccolo gesto distensivo. E ora, si chiede il mondo intero, cosa accadrà? La risposta – come in ogni soap opera che si rispetti – nella prossima puntata. Quel che è certo è che, una volta ancora, la First Lady è riuscita a tirare un sonoro schiaffo al presidente senza alzare una mano, tantomeno un dito. Davvero diabolica.

Prossimi Articoli

Il sadico di Romont trent’anni dopo

IL COMMENTO DI SACHA DALCOL

Il PLR, la scuola e il movimentismo ignorato

IL COMMENTO DI GIANNI RIGHINETTI

Edizione del 20 ottobre 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top