logo

Via libera al super razzo di Elon Musk

 
05
febbraio
2018
11:27
ats

CAPE CANAVERAL - Via libera alla partenza del Falcon Heavy, il razzo della Space X che in futuro potrebbe portare equipaggi umani in orbita. L'Agenzia federale per l'aviazione degli Stati Uniti ha autorizzato il lancio di prova, previsto a partire dalle 19.30 svizzere di domani 6 febbraio, dal Kennedy Space Center a Cape Canaveral (Florida).

Buone anche le previsioni meteo, con l'80% di condizioni favorevoli al lancio. A bordo non ci sarà un equipaggio né alcun carico utile, ma solo un bizzarro passeggero: l'auto sportiva elettrica Tesla Roadster, della casa automobilistica del fondatore di Space X, Elon Musk. Del resto, i passeggeri stravaganti non sono una novità per Space X: nel suo test di volo, la capsula Dragon aveva trasportato una forma di formaggio.

Costituito da tre razzi derivati dal lanciatore Falcon 9 e spinto da 27 motori Merlin, il Falcon Heavy conterà su una spinta al decollo maggiore rispetto a quella degli altri lanciatori attualmente in servizio, la più potente dai tempi dei lanci dello Space Shuttle, e sarà in grado di trasportare un carico di 63,8 tonnellate in orbita bassa e 16,8 tonnellate per Marte.

Dopo la partenza, il Falcon Heavy si dirigerà ad est della Florida, sull'Oceano Atlantico, e una volta in orbita libererà la Tesla rosso ciliegia a una velocità tale da sfuggire alla gravità della Terra e su una traiettoria che la porterà verso l'orbita di Marte.

Ma il test non finirà con il rilascio del carico stravagante: cruciale sarà anche la prova di atterraggio autonomo del primo stadio. Caratteristica importante del Falcon Heavy è, infatti, la capacità del primo stadio di essere riutilizzato, come il Falcon 9. Dopo il distacco dal livello superiore, i due razzi laterali si dirigeranno verso Cape Canaveral, dove è previsto l'atterraggio, mentre il nucleo centrale atterrerà su una piattaforma nell'Oceano Atlantico.

Prossimi Articoli

Riad ammette, Khashoggi ucciso nel consolato

Di fronte alle richieste pressanti della comunità internazionale arriva la conferma della morte del giornalista - Diciotto persone finite in manette

Stretta su Khashoggi, Ankara ha "informazioni e prove"

Il caso del giornalista scomparso il 2 ottobre dopo l'ingresso nel Consolato saudita

Foto del giorno

Gli scatti più belli selezionati dalla redazione.

Edizione del 20 ottobre 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top