logo

La SPD: sì al Governo con Merkel (ma senza applausi)

GERMANIA - Il partito riunito a Bonn ha dato luce verde ad una nuova "Grosse Koalition" - Soddisfatta anche la cancelliera Angela Merkel - GUARDA LE FOTO

 
21
gennaio
2018
16:45
ats

BONN - Il congresso dei socialdemocratici tedeschi dell'SPD riunito quest'oggi a Bonn ha votato a favore della grande coalizione con l'Unione della cancelliera Angela Merkel per il Governo in Germania. A favore della mozione sostenuta dal leader Martin Schulz hanno votato 362 delegati, 279 i contrari (1 solo astenuto). In aula, al momento dell'approvazione, nessuno ha applaudito.

Martin Schulz ha vinto, ma la sua linea all'interno del partito socialdemocratico tedesco non ha sfondato, tanto da aver reso necessaria la conta dei voti a Bonn. Rispetto ai 642 delegati presenti al congresso dei socialdemocratici dell'SPD, per il sì al governo con la cancelliera Angela Merkel si è pronunciato il 56,4%. Un risultato che rende i contrari alla grande coalizione una "minoranza qualificata", secondo i primi commenti di chi ha sostenuto la linea del "no".

LA REAZIONE DI ANGELA MERKEL

La cancelliera tedesca Angela Merkel ha affermato di essere "lieta" del risultato del voto dei socialdemocratici dell'Spd oggi a Bonn e ha ribadito: "Per noi è importante un governo stabile". Ha ricordato che le trattative si svolgeranno a partire dalla "cornice" fornita dal documento uscito dai colloqui esplorativi. "C'è molto lavoro da fare, ma deve essere orientato allo scopo" e deve avvenire in un clima segnato dalla "ragionevolezza", ha aggiunto.

 

Prossimi Articoli

“I centri migranti? Nei Balcani”

È il progetto su cui stanno lavorando Austria e Danimarca - Il ministro dell'Interno Herbert Kickl incontra il suo omologo italiano Matteo Salvini

Venerdì scattano le contromisure UE sui dazi

L'Europa risponde alle tasse statunitensi su acciaio e alluminio - Coinvolti prodotti del valore di 2,8 miliardi di euro

Il divieto di accoglienza migranti presto nella costituzione

Lo inserirà il Governo ungherese di Viktor Orban e riguarderà i profughi economici illegali - Nella riforma anche limiti al diritto di manifestare

Edizione del 20 giugno 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top