logo

Berlino, ultimo round per la Grosse Koalition

Le consultazioni fra CDU-CSU e SPD, in vista della costruzione di un Governo, si sono rivelate difficoltose e andranno avanti anche domani

 
04
febbraio
2018
14:56
ats

BERLINO - L'accordo non arriverà in nottata e le consultazioni governative a Berlino vedono una proroga, almeno fino a lunedì. Da domani alle 10 si continua a trattare, ha comunicato in serata il segretario generale dell'Spd Lars Klingbeil, confermando le indiscrezioni e assicurando che "il clima è costruttivo". "Resta però la distanza su temi importanti, su cui si deve parlare con concentrazione", è la spiegazione.

Una mossa tutto sommato prevedibile, e quasi annunciata dal leader Martin Schulz, che aveva messo le mani avanti entrando nel weekend: "il principio dell'accuratezza prevarrà sulla velocità", aveva detto. Soprattutto i socialdemocratici hanno bisogno di dimostrare infatti, in Germania, di aver venduto carissima la pelle. E l'obiettivo resta quello di imporre quanto più possibile "una politica socialdemocratica" agli alleati della legislatura uscente della Cdu e della Csu.

Come noto, del resto, non è con l'accordo di programma che si risolve lo stallo politico, in cui è finito il Paese di Angela Merkel, che a 4 mesi dalle elezioni non ha ancora un esecutivo e vede indebolirsi i suoi possibili leader ogni giorno: resta lo scoglio del voto di base dell'Spd. Circa 450 mila persone dovranno pronunciarsi nelle prossime settimane a favore o contro la Grosse Koalition guidata da Merkel IV, decidendo del futuro del Paese. Una procedura complessa, che prevede anche alcune giornate di campagna elettorale - alla quale si preparano ovviamente i giovani dello Juso di Kevin Kuehnert, energicamente contrari - e che dovrebbe concludersi all'inizio di marzo.

La cancelliera ha parlato anche stamani di "trattative ancora difficili", e Schulz ha ribadito che la fretta "non è utile" in questa fase. Sul tavolo restano questioni irrisolte, a quanto trapela, come l'accordo sul lavoro - Schulz si batte per la rinuncia ai contratti a tempo determinato immotivati - e sulla sanità, dove i socialdemocratici vorrebbero una equiparazione degli onorari dei medici per pazienti coperti da casse pubbliche e private. Se ci sarà l'accordo - dopo il trauma del fallimento delle trattative "giamaica", fra Unione Verdi e Liberali nessuno si sbilancia a Berlino - i tedeschi avranno provvedimenti più generosi sul piano previdenziale e dell'assistenza, due miliardi di investimenti per l'edilizia sociale e misure a sostegno delle famiglie, un piano per modernizzare l'istruzione e aggredire la digitalizzazione.

Arrivati al round finale delle trattative, iniziano a circolare anche indiscrezioni sui possibili nomi per l'esecutivo. Resta acceso il dibattito sul futuro di Schulz, che secondo molti compagni farebbe meglio a rinunciare a un posto nel Gabinetto della ex avversaria della campagna elettorale. Ma Spiegel ha scritto anche nel pomeriggio di oggi che l'ex presidente del parlamento europeo non intenderebbe farsi da parte. Punta al ministero degli Esteri. Posto che starebbe ancora a cuore anche all'attuale ministro ed ex leader Sigmar Gabriel, che proprio in questa posizione ha raggiunto livelli massimi di popolarità e, dunque, il lavoro dei sogni. Ma secondo il magazine non è chiaro se alla fine Schulz sacrificherà il suo predecessore, per fare felici coloro che insistono sulla necessità di rinnovare il partito.

Prossimi Articoli

“I centri migranti? Nei Balcani”

È il progetto su cui stanno lavorando Austria e Danimarca - Il ministro dell'Interno Herbert Kickl incontra il suo omologo italiano Matteo Salvini

Venerdì scattano le contromisure UE sui dazi

L'Europa risponde alle tasse statunitensi su acciaio e alluminio - Coinvolti prodotti del valore di 2,8 miliardi di euro

Il divieto di accoglienza migranti presto nella costituzione

Lo inserirà il Governo ungherese di Viktor Orban e riguarderà i profughi economici illegali - Nella riforma anche limiti al diritto di manifestare

Edizione del 20 giugno 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top