logo

Il tris di Hofmann lancia i playoff del Lugano

I bianconeri vincono nettamente gara-1 contro il Friburgo – In una Resega bollente finisce 6-2

 
10
marzo
2018
22:35
Red. Sport

LUGANO - Buona la prima per il Lugano, che in una Resega affollata e incandescente (6.536 spettatori) vince gara-1 dei quarti di finale superando nettamente (ma non senza sudare) il Friburgo per 6-2. Determinanti la straordinaria tripletta di Gregory Hofmann tra il 6'12'' e il 13'31'' e l'ottimo terzo tempo, dopo un periodo centrale difficile in cui il Gottéron ha speso tante energie senza però riuscire a rientrare in partita. Greg Ireland, che ha rinunciato a Linus Klasen per schierare due difensori stranieri, ha così vinto la prima battaglia contro Mark French. Martedì alla BCF Arena si ripartirà da zero a zero.

Primo tempo
Nel primo tempo va in scena lo show personale di Gregory Hofmann, che al 6'12'' apre le marcature in contropiede dando il via allo spettacolo. Nel giro di 7 minuti e 19 secondi, lo scatenato numero 15 realizza altri due gol: dapprima sfruttando una grande giocata di Johnston (9'31''), poi su iniziativa di capitan Lapierre (13'31''). Al Lugano, sempre pericoloso quando riesce a partire in velocità, sono dunque bastati cinque tiri per portarsi rapidamente sul 3-0. Merzlikins, dal canto suo, è stato abile ha stoppare le iniziative ospiti, in particolare con un doppio "big save" al 7'15''. Elvis non ha però potuto fare nulla sul tiro secco, angolato e improvviso con cui l'ex Kienzle ha accorciato le distanze al 16'06''. Una rete che sul finale di primo tempo ha ridato fiducia al Gottéron, incapace però di concretizzare il secondo power-play di serata.

Secondo tempo
In un periodo centrale assai complicato il Lugano spreca subito una superiorità numerica, poi sparisce gradatamente dai radar offensivi. La pressione del Friburgo, per contro, aumenta. Soprattutto attorno alla mezz'ora, con Sannitz espulso, quando Elvis deve darsi parecchio da fare e Bykov colpisce pure l'asta (31'04''). I bianconeri si rifanno vivi nell'ultimo giro d'orologio, di nuovo con un tiro minaccioso di Hofmann.

Terzo tempo
Nella terza frazione i padroni di casa recuperano importanti metri di ghiaccio, tornando con più costanza dalle parti di Brust. In luce si mette anche il giovane Loic Vedova, che prima si procura un power-play (sprecato dai compagni) e poi impegna il portiere canadese in transizione. Al 47'02'', sugli sviluppi di un'insistita azione dei mastini Sannitz, Walker e Reuille, Thomas Wellinger realizza la rete del 4-1 con una morbida palombella dalla distanza che beffa Brust all'incrocio. Il Lugano controlla bene la situazione, ma al 52'13'' ci vuole tutto il sangue freddo di Merzlikins per fermare Matthias Rossi, partito in break. È solo uno spavento passeggero, perché al 53'45'' Romanenghi mette al sicuro la vittoria realizzando il 5-1 con una doppia conclusione. Non è finita qui. Al 55'12'', poco dopo aver provocato l'ex compagno Kienzle, Maxim Lapierre firma il 6-1, osannatissimo dalla Resega. Al 56'11'', con Sannitz penalizzato, Rossi addolcisce la pillola con la rete del 6-2.

Il tabellino

Lugano – Friborgo Gottéron 6-2 (3-1 0-0 3-1)

Reti: 7' Hofmann (Lapierre 1-0. 10' Hofmann (Johnston) 2-0. 14' Hofmann (Lapierre) 3-0. 17' Kienzle 3-1. 48' Wellinger (Walker) 4-1. 54' Romanenghi (Cunti) 5-1. 56' Lapierre (Lajunen) 6-1. 57' Rossi (Sprunger, in 4c5) 6-2.

Spettatori: 6.536. Arbitri: Hebeisen/Mollard; Progin/Wüst. Penalità: 7x2' c. Lugano; 7x2' c. Friburgo.

Lugano: Merzlikins; Furrer, Johnston; Ronchetti, Sanguinetti; Ulmer, Wellinger; Riva; Hofmann, Lajunen, Lapierre; Fazzini, Cunti, Romanenghi; Walker, Sannitz, Reuille; Vedova, Morini, Bertaggia; Zorin.

Friburgo: Brust; Kienzle, Chavaillaz; Glauser, Stalder; Kühni, Schilt; Maret; Mottet, Meunier, Birner; Rossi, Bykov, Cervenka; Sprunger, Schmutz, Marchon; Neuenschwander, Rivera, Tristan Vauclair; Fritsche.

Note: Lugano senza Brunner, Bürgler, Chiesa, J. Vauclair (infortunati), Etem e Klasen (stranieri in sovrannumero). Gottéron privo di Abplanalp, Rathgeb (infortunati) e Slater (ammalato).

Prossimi Articoli

Il Lugano perde una partita pazza

Difese allegre e reti a raffica: a Zugo finisce 6-5 per i padroni di casa - Infortunio per Luca Cunti

Debutto con vittoria per i bianconeri

Alla Cornèr Arena il Lugano si è imposto con il risutato di 3-1 sul Davos - LE FOTO

Ambrì generoso ma senza punti

Leventinesi battuti alla Valascia per 1-2 - Debutto per il ceco Jiri Novotny - LE FOTO

Edizione del 23 settembre 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top