logo

"Danno enorme abolire la libera circolazione"

Lo sostengono le parti sociali dell'industria MEM, che fanno fronte comune contro l'iniziativa lanciata dall'UDC

Reguzzi
 
14
febbraio
2018
11:10
ats

BERNA - Le parti sociali dell'industria metalmeccanica ed elettrica (industria MEM) sono concordi nel ritenere che gli accordi bilaterali I rivestano grande importanza per l'industria MEM della Svizzera. Si oppongono pertanto congiuntamente e con determinazione all'iniziativa per l'abolizione della libera circolazione delle persone lanciata dall'UDC e ai recenti attacchi che i democentristi hanno sferrato contro il partenariato sociale. L'iniziativa chiede la disdetta della libera circolazione con l'UE e pertanto provocherebbe automaticamente il venir meno di tutti gli accordi bilaterali I. Il danno economico per l'industria MEM e per tutti gli occupati attivi nel ramo sarebbe enorme.

Prossimi Articoli

Lo scandalo di AutoPostale alle Camere?

I gruppi PS e PLR vogliono dibattere della situazione dell'ex regia in marzo e chiedere spiegazioni a Doris Leuthard

Al via il carnevale di Basilea con il Morgestraich

Il tradizionale corteo ha aperto i festeggiamenti - I gruppi carnascialeschi hanno sfilato lungo le vie e le piazze della città

Autopostale, l'inchiesta si allarga

L'Autorità federale di sorveglianza dei revisori è intervenuta nella vicenda per esaminare anche il ruolo della società esterna di revisione e consulenza KPMG

Edizione del 19 febbraio 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top