logo

"Danno enorme abolire la libera circolazione"

Lo sostengono le parti sociali dell'industria MEM, che fanno fronte comune contro l'iniziativa lanciata dall'UDC

Reguzzi
 
14
febbraio
2018
11:10
ats

BERNA - Le parti sociali dell'industria metalmeccanica ed elettrica (industria MEM) sono concordi nel ritenere che gli accordi bilaterali I rivestano grande importanza per l'industria MEM della Svizzera. Si oppongono pertanto congiuntamente e con determinazione all'iniziativa per l'abolizione della libera circolazione delle persone lanciata dall'UDC e ai recenti attacchi che i democentristi hanno sferrato contro il partenariato sociale. L'iniziativa chiede la disdetta della libera circolazione con l'UE e pertanto provocherebbe automaticamente il venir meno di tutti gli accordi bilaterali I. Il danno economico per l'industria MEM e per tutti gli occupati attivi nel ramo sarebbe enorme.

Prossimi Articoli

USA: i collaboratori della ZKB si sono dichiarati colpevoli

Rischiano fino a un anno di carcere i due dipendenti della Banca cantonale di Zurigo accusati di reati fiscali negli Usa

Cartella elettronica: Basilea Città apre la strada

Il sistema informatizzato per rendere i dati sanitari dei pazienti più accessibili è stato introdotto ufficialmente oggi

Parlamento: multe all'estero ancora deducibili fiscalmente

Questo è possibile se violano la nozione di ordine pubblico svizzero, se puniscono un atto che non sarebbe sanzionabile da noi oppure se oltrepassano il massimo previsto dal diritto elvetico

Edizione del 15 agosto 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top