logo

Il Governo vuole investire 2 miliardi nell'Esercito

La proposta è di Guy Parmelin, auspicata anche la messa fuori servizio della metà di 27 aerei da combattimento Tiger - Luce verde al messaggio

archivio CdT
Il Governo vuole "pensionare" la metà dei Tiger.
 
14
febbraio
2018
14:05
ats

BERNA - Guy Parmelin vuole investire quest'anno 2 miliardi di franchi nell'esercito. Il messaggio 2018 trasmesso oggi dal Consiglio federale al Parlamento propone inoltre la messa fuori servizio della metà di 27 aerei da combattimento Tiger. Il Governo si è fissato tre priorità: modernizzare taluni sistemi delle Forze aeree, completare l'equipaggiamento delle truppe e sviluppare l'infrastruttura d'istruzione. I crediti d'impegno pari a 2,053 miliardi di franchi comprendono 848 milioni per il programma d'armamento, 742 milioni per il materiale dell'esercito e 463 milioni per gli immobili del Dipartimento federale della difesa (DDPS). Tali importi si avvicinano a quelli dei precedenti messaggi sull'esercito.

Nuova tenuta

Nell'ambito del programma d'armamento viene sollecitato l'acquisto di un nuovo sistema di vestiario e di equipaggiamento (377 milioni) destinato alla truppa. Circa 100'000 militari potrebbero così essere equipaggiati. Il nuovo sistema costa circa 3'000 franchi per persona, di cui la metà serve alla protezione balistica (giubbotto di protezione).

Quest'acquisto era inizialmente previsto per il 2019, ma è stato anticipato poiché, secondo il DDPS, la protezione individuale dei militari ha una priorità elevata e la valutazione era già in fase avanzata. Un credito quadro di 100 milioni di franchi dovrà inoltre servire a completare altri elementi dell'attuale equipaggiamento della truppa (ad esempio fucili d'assalto e fucili per tiratori scelti).

Elicotteri e radar

Nell'ambito delle Forze aeree viene sollecitato un credito di 168 milioni di franchi per gli elicotteri Cougar impiegati per il trasporto di materiale e della truppa. Il mantenimento del valore di questi apparecchi è giudicato necessario. Potranno così essere impiegati sino al 2030.

Il Consiglio federale chiede inoltre 114 milioni di franchi per i radar secondari e 16 milioni per quelli primari per il mantenimento del sistema di sorveglianza dello spazio aereo Florako. Sono pure previsti 73 milioni per la sostituzione dell'infrastruttura di terra per la radiocomunicazione aeronautica.

Prossimi Articoli

Catalogna: la leader Cup Anna Gabriel sceglie l'esilio in Svizzera

Come Puigdemont la rappresentante del partito della sinistra indipendentista ha scelto di non presentarsi davanti al giudice

Gran Premio svizzero d'arte 2018: Luigi Snozzi fra i premiati

Il riconoscimento dell'Ufficio federale della cultura è andato all'architetto ticinese, al bernese Thomas Hirschorn e alla ginevrina Hirschorn e la ginevrina Sylvie Fleury

Europa sempre più colpita dal morbillo

I casi sono aumentati del 400% - La crescita è stata registrata anche nel nostro Paese e in Ticino

Edizione del 20 febbraio 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top