logo

Consiglio federale: “Occorre legiferare in materia di esecuzione e fallimento”

Il diritto attuale rende difficile per i privati indigenti sanare in modo duraturo le proprie finanze e per i creditori è arduo rivalersi sulle entrate future dei debitori

Archivio CdT
 
09
marzo
2018
11:59
Red. Online

BERNA - Il diritto svizzero in vigore non consente ai privati indigenti o fortemente indebitati di sanare in modo duraturo le proprie finanze. I creditori, dal canto loro, dispongono di possibilità ridotte di rivalersi sulle future entrate dei debitori. Ecco perché in un rapporto adottato il 9 marzo 2018 il Consiglio federale giunge alla conclusione che occorre legiferare in materia di esecuzione e fallimento.

Prossimi Articoli

In migliaia per la parità salariale

In molti hanno risposto confluendo a Berna per manifestare anche contro la discriminazione tra i sessi

Coira: precipita dal balcone del secondo piano, grave bimba 9 anni

In corso le indagini della Polizia grigionese

Il Dalai-Lama è arrivato in Svizzera

La guida spirituale è giunta in mattinata per celebrare il 50. anniversario della fondazione dell'istituto di Rikon, l'unico monastero buddista sorto al di fuori dell'Asia su suo ordine

Edizione del 23 settembre 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top