logo

Aggredirono 5 donne fuori dalla discoteca: identificati

Alcuni dei presunti autori delle violenze di Ginevra sono cittadini francesi - Due vittime gravemente ferite, una ancora in coma

Reguzzi
 
14
agosto
2018
19:22
ats

GINEVRA - La maggior parte dei presunti autori dell'aggressione contro cinque donne avvenuta nella notte tra martedì e mercoledì scorsi a Ginevra sono stati identificati: si tratta di cittadini francesi domiciliati nella vicina Francia. Il Ministero pubblico ha dunque deciso di delegare il procedimento alla magistratura francese.

I presunti aggressori sono stati individuati grazie a un'indagine approfondita della "brigade criminelle" della polizia giudiziaria ginevrina, sotto la guida del Ministero pubblico, indica quest'ultimo in una nota. Esso ha chiesto all'Ufficio federale di giustizia a Berna di delegare il procedimento in Francia vista la nazionalità delle persone identificate, che rende difficile una estradizione in Svizzera.

Toccherà alle autorità francesi, nella fattispecie al giudice istruttore che sarà incaricato di occuparsi del caso, di condurre l'inchiesta, cui continueranno a collaborare polizia e Ministero pubblico ginevrini.

Nella notte tra martedì a mercoledì cinque giovani donne, di età compresa tra i 22 e i 33 anni, erano state aggredite da un gruppo di uomini all'uscita di una discoteca ginevrina dopo un alterco. Due delle vittime sono rimaste gravemente ferite; una è ancora in coma.

Prossimi Articoli

Il caldo sempre più estremo e le piogge più forti

Le previsioni degli scenari climatici per i prossimi decenni in Svizzera sono inquietanti - Per gli esperti è necessario contenere il riscaldamento globale o non resterà che adattarci

Credit Suisse indagato per frode a Ginevra

Indagini in corso sull'istituto bancario e quattro suoi dipendenti - Le vittime del presunto raggiro sarebbero clienti turchi di un piccolo gestore patrimoniale

Violenza domestica, un morto ogni due settimane in Svizzera

Convegno nazionale oggi a Berna con 270 professionisti per lottare contro gli abusi sulle donne e in casa

Edizione del 14 novembre 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top