logo

La stretta di mano tra Alain Berset e la sorella di Kim Jong-un

Il presidente della Confederazione ha avuto l'occasione di salutare Kim Yo-jong alle Olimpiadi invernali in Corea del Sud

Keystone
 
11
febbraio
2018
19:48
ats

PYEONGCHANG/BERNA - Il presidente della Confederazione Alain Berset ha avuto l'occasione di salutare la sorella del dirigente nordcoreano Kim Jong-un, Kim Yo-jong. La stretta di mano è di ieri, in occasione della partita di hockey femminile tra la compagine elvetica e quella unificata delle due Coree ai Giochi olimpici invernali di Pyeongchang.

Berset ha pure salutato il capo dello Stato - funzione onorifica - della Corea del Nord, Kim Yong-nam, che è il più alto dignitario nordcoreano ad essersi mai recato al Sud. A lui e a Kim Yo-jong, Berset "ha espresso il compiacimento della Svizzera nel condividere questo momento storico", ha indicato all'Ats Nicole Lamon, portavoce del Dipartimento federale dell'interno (DFI).

Venerdì, in occasione della cerimonia di apertura delle Olimpiadi, il responsabile del DFI aveva sottolineato, rivolgendosi ai rappresentanti della Corea del Nord, l'importanza di un dialogo tra i due Paesi della penisola "che prosegua oltre i Giochi". Giovedì aveva incontrato il presidente sudcoreano Jae-in Moon.

Ieri Berset ha pure visto il vicepresidente degli Stati Uniti Mike Pence, con il quale ha brevemente scherzato, durante la partita di curling misto tra Svizzera e Usa.

I Giochi di Pyeongchang per il presidente della Confederazione sono pure l'occasione di difendere la posizione del Consiglio federale in merito alle Olimpiadi invernali del 20126, con la possibile candidatura di Sion (VS).

Prossimi Articoli

Karin Keller-Sutter ufficialmente in corsa per il Consiglio federale

Il PLR sangallese ha votato all'unanimità la candidatura della consigliera di Stato per la successione di Schneider-Ammann

Il PPD si prepara al dopo Leuthard

Il partito si riunisce oggi in assemblea a Lucerna - Ultimo discorso ufficiale davanti ai delegati per la consigliera federale

Trovata con la testa staccata dal corpo, interrogato il nipote

La donna rinvenuta morta in un appartamento di Frauenfeld è stata decapitata - Per il parente italiano di 19 anni è stata chiesta la detenzione preventiva

Edizione del 20 ottobre 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top