logo

Nel take away si potrà anche mangiare

È una delle modifiche alla legge sulla ristorazione previste dal Consiglio di Stato, ora in consultazione - Per il gerente cade l'obbligo di presenza - Nuove regole anche sull'alcol

Archivio CdT
 
12
febbraio
2018
18:22
Red. Online

BELLINZONA -  La possibilità di mangiare e consumare bevande nei take away e nei food truck e la libertà per un gerente di gestire più di un esercizio pubblico o un'altra attività, senza dover per forza garantire la propria presenza in loco. Sono alcune delle importanti modifiche alla Legge cantonale sugli esercizi alberghieri e sulla ristorazione (Lear) previste nel secondo pacchetto voluto dal Governo ticinese.

Dopo il primo gruppo di modifiche alla Lear, entrato in vigore il 15 giugno dell'anno scorso, il Consiglio di Stato ha deciso oggi di dare avvio a una procedura di consultazione concernente la seconda parte del progetto di revisione normativa. 

Tra gli adeguamenti sarà anche introdotta una nuova misura che mira a contrastare l'abuso di bevande alcoliche. In questo senso l'Autorità cantonale competente potrà vietare la vendita, temporanea o addirittura in modo definitivo, di bevande alcoliche nel caso in cui un determinato esercizio pubblico violi ripetutamente le norme riguardanti questo genere di prodotti. Infine, il Consiglio di Stato intende procedere con una semplificazione delle categorie di esercizi pubblici, allo scopo di apportare maggior chiarezza nell'applicazione della legge e consentire al contempo agli esercenti di godere di maggior libertà nella scelta della denominazione del tipo di esercizio.

Consapevole che le modifiche ipotizzate potrebbero avere effetti significativi su diverse cerchie della società, il Governo ha ritenuto fondamentale procedere a consultazione formale che, sulla base dei pareri raccolti, permetta di verificare il livello di gradimento del progetto tra gli enti e le associazioni che dovranno poi nel concreto applicare tali norme e di adottare eventuali correzioni. Il termine per inoltrate le osservazioni è fissato per il 16 marzo 2018.

Prossimi Articoli

Lista PPD, gli ex presidenti esclusi non ci stanno

Giovanni Jelmini: “Sorpreso, ma la scelta definitiva spetta ad altri” - Fabio Bacchetta-Cattori: “Quello della Commissione cerca è un preavviso”

Ecco la lista del PPD per il Governo

In corsa Paolo Beltraminelli, Elia Frapolli, Raffaele De Rosa, Michele Rossi e Alessandra Zumthor - Giovanni Jelmini dal canto suo rinnova tramite Facebook la sua disponibilità

Ecco la lista del PPD per il Governo

In corsa Paolo Beltraminelli, Elia Frapolli, Raffaele De Rosa, Michele Rossi e Alessandra Zumthor - Giovanni Jelmini dal canto suo rinnova tramite Facebook la sua disponibilità

Edizione del 16 ottobre 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top