logo

Scuola, a settembre parte il test

Via libera del Gran Consiglio al credito per la sperimentazione della riforma del DECS

Maffi
 
12
marzo
2018
18:50

BELLINZONA -  È servito un dibattito fiume di oltre cinque ore ma, alla fine, il Gran Consiglio ha detto sì alla sperimentazione della riforma del DECS la Scuola che verrà. Con 51 voti favorevoli, 19 contrari e 5 astensioni il Parlamento ha avallato il credito di 6,7 milioni di franchi per avviare il progetto pilota a partire da settembre. Interessate dal test saranno le sedi di scuola media di Biasca, Acquarossa, Tesserete e Caslano, mentre per le elementari si partirà a Cadenazzo, Coldrerio e Paradiso. E nonostante l'ampio sostegno, durante il dibattito non sono mancate stoccate sulle diverse visioni dell'insegnamento.

Maggiori dettagli nell'edizione cartacea del Corriere del Ticino di domani, martedì 13 marzo.

Articoli suggeriti

Tempo di esami per rimborsi e scuola

Il Gran Consiglio deve indicare la rotta sulle indennità dei consiglieri di Stato e del cancelliere – In aula anche il credito per sperimentare la riforma del DECS

Scuola che verrà, la resa dei conti

La sperimentazione è ai blocchi di partenza: ma servono 6,7 milioni – A Piazza del Corriere il confronto su un tema che scotta

Un primo via libera alla “scuola che verrà”

La Commissione speciale scolastica ha detto sì al credito di 5'310'000 franchi per la sperimentazione del progetto

Scuole ticinesi: è tempo di rifarsi il look

DECS e Sezione della logistica intendono avviare la revisione delle schede tecniche dell'edilizia scolastica

Edizione del 25 settembre 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top